Uncategorized

LA GIOIA MI METTE ANSIA: PAGINE DI DIARIO

Autrice: Lucia Francescato
Articolo

Settembre 27, 2021

Sulla gioia: ne scrissero in abbondanza letterati e poeti, e non andrò a cercare la definizione sul dizionario, perché non spiegherebbe minimamente il mio personale modo di viverla.

Quando provo gioia, in me tutto si trasforma: questa emozione è inizialmente leggerezza nel cuore e nei pensieri, poi si tramuta in entusiasmo che sale, e che all’apice muta. La luce negli occhi, un’energia quasi prepotente, poi la stramaledetta aspettativa. Nella mia gestione maldestra delle emozioni, anche la gioia riesce a mettermi ansia. 

Retaggi familiari e dintorni: quando ti dicono che è meglio non abituarsi alla gioia

La sensazione è che questa emozione possa non appartenermi completamente, e che a me sia stata concessa a piccole dosi, un po’ come se non potessi abusarne, un po’ come se dovessi tenere ben chiaro a mente che è precaria, instabile, incerta. Spesso do ascolto ad una vocina che da dentro mi dice che non me la merito la contentezza.


Sono frutto di un’educazione rigida, dove era ben chiaro il concetto:

“Mantieni un profilo basso, che non si sa mai!”
“Non essere troppo contenta, che le cose possono cambiare velocemente!”
E adesso che sono adulta penso: “Ma siamo proprio sicuri che non ho il diritto di provar un pò di felicità senza paura che succeda l’apocalisse?”

E’ così che mi capita di perdermi a cercare di capire se quella che provo sia gioia, e perdo l’attimo, perdo l’occasione di vivere la gioia stessa. Inizio a pensare: “Posso permettermi di provare appagamento?” e mentre lo penso, lei, così fugace, se ne va.

Spesso confondo il battito del mio cuore che accelera, lo scambio per agitazione quando invece, magari, è solo pura emozione, o contentezza. Troppo cerebrale il mio rapporto con la gioia che sa essere molto più viva, esplosiva, travolgente e passionale delle mie sterili analisi.
Ecco perché spesso non la riconosco.

Nel tentativo di imparare ad accogliere tutto quello che sento arrivare sotto pelle e di non esserne sopraffatta, la gioia mi passa accanto. Così tra i miei vorrei, c’è anche la speranza che nella giostra a cavalli delle mie emozioni, la gioia trovi il suo spazio, e che quel cavallo un po’ ammaccato e un po’ dimesso che a volte fa fatica a mostrarsi possa finalmente sentirsi libero di correre senza briglie.

Ma a che importa l’eternità della dannazione a chi ha provato, in un secondo, l’infinito della gioia?”
Charles Baudelaire

Potrebbe interessarti anche...

Consulta gli articoli
amore e psiche
Dea
Valeria Aliberti

Amore e Psiche: c’era una volta…

Amore è un dio, questo ci dicono gli antenati. Eppure una delle più famose storie su Amore giunta sino a noi oggi non assomiglia affatto alle fiabe romantiche che subito si formano nella nostra testa se pensiamo al concetto di

Leggi di più
Specchio specchio delle mie brame
Brutta
Fanny Bellio

SPECCHIO SPECCHIO DELLE MIE BRAME …

Chi è la più magra del reame? “La strada per dimagrire è tutta insalata” Quello che avete appena letto è un simpatico aforisma che si trova sul web cercando frasi simpatiche o motivazionali-divertenti sulla dieta. Giuro che mi sono “piegata in

Leggi di più
papà supereroi
Consapevole
Martina Melis

Papà: anche i supereroi possono chiedere aiuto

Oggi vorrei portarvi a riflettere su quella che è una figura fondamentale nella cura dei figli, che dovrebbe essere, assieme alla mamma, complementare nella loro gestione: IL PAPÀ. Abbiamo fatto passi da gigante negli ultimi decenni. Già. Il papà, da

Leggi di più
Arrabbiata
Valeria Aliberti

Shakira e Medea: tra mito e mondo moderno

Shakira è stata al centro di moltissimi contenuti in queste ultime settimane, al punto che anche i meno appassionati di gossip se ne sono dovuti fare una ragione. Questo articolo esula di molto dal mio modo usuale di scrivere del

Leggi di più
mito
Dea
Valeria Aliberti

LA POETICA DEL MITO

“Il mito è una storia sacra che ebbe luogo all’inizio dei tempi”Uberto Pestalozza¹ Mito/mì.to/Dal greco mythos: parola, narrazione, favola, leggenda. Non voglio parlarvi del mito dandone una definizione da dizionario. Certo ne sarei perfettamente in grado, e chi non lo

Leggi di più

Percorsi

Come ti senti oggi?
È importante che tu riconosca ogni giorno i tuoi stati d’animo. Positivi o negativi che siano, troverai supporto cliccando sul percorso più adatto a te.
Perché Saper restare con le proprie emozioni, saperle ascoltare, ma soprattutto, saperle riconoscere, è un grande passo verso il benessere consapevole!

Sola

Ma anche ignorata, trascurata, tradita o abbandonata.

Sola

Vai

Ansiosa

Ma anche angosciata, inquieta o spaventata.

Ansiosa

Vai

Frustrata

Ma anche triste, delusa o stanca mentalmente.

Frustrata

Vai

Brutta

Ma anche grassa, derisa, difettosa, insicura o criticata.

Brutta

Vai

Invidiosa

Ma anche incapace, insoddisfatta o rancorosa.

Invidiosa

Vai

Strega

Ma anche connessa, ispirata, curiosa o intuitiva.

Strega

Vai

Consapevole

E pronta per prendere in mano la mia vita per renderla unica.

Consapevole

Vai

Arrabbiata

Ma anche nervosa, repressa e piena di emozioni negative.

Arrabbiata

Vai

Pessima madre

Ci vogliono far credere che esista la madre perfetta. Ma non è vero.

Pessima madre

Vai

Dea

Un viaggio nei volti estatici del femminile sacro

Dea

Vai